Home » Legnago e dintorni » Territorio
stampa
 
 
A cura di Roberto Tirapelle
Un nuovo progetto per albergatori e ristoratori di qualit
Un nuovo progetto per albergatori e ristoratori di qualit

Lunedi 19 Maggio, alle ore 11, nella sala Rossa del palazzo Scaligero, il vice presidente della Provincia Antonio Pastorello, il presidente e il vicepresidente della associazione PianurAccogliente, rispettivamente Roberto Iseppi e Ivan Montagnoli, hanno presentato la neonata associazione Pianuraccogliente. Oltre al consigliere provinciale Antonio Capuzzo, erano presenti i consiglieri della nuova associazione: Galliano Pasetto, Roberto Braga, Romeo Raimondo, Andrea Prando, la responsabile del marketing Silvia Zago e altri ristoratori.

PianurAccogliente si qualifica in un ruolo di fondamentale importanza, quale prima associazione aggregante ristoranti e alberghi di prestigio presenti nella Pianura Padana. Nella nostra Provincia aderiscono i soci ristoratori di Legnago, Cerea, Sanguinetto, Pressana, Cologna e Bevilacqua.

Nella rosa delle le dichiarazioni, apre il Vicepresidente Pastorello: "La qualità paga, il risultato è nei dati: un milione di presenze nel territorio della ‘Bassa', che in realtà è 'alta' per qualità dell'accoglienza e della ricettività, collocando questa zona a pieno titolo tra le più interessanti del nostro territorio".

Secondo il Presidente del nuovo sodalizio, Iseppi: "Abbiamo cercato di mettere insieme realtà  economiche pubbliche e private per una promozione turistico-ricettiva che abbia come fulcro l'accoglienza, cioè la responsabilità di far sentir bene l'ospite. Il  punto di riferimento non è solo la struttura cui accede l'ospite, ma tutta l'associazione che può offrire una serie di servizi integrati. Siamo aperti e pronti ad accogliere altri soci pubblici o privati che siano interessati a fare sistema sulla qualità. Per questo ci presentiamo con un marchio che ci vuol distinguere e che deve essere garanzia per il cittadino e per il turista. I numeri di PianurAccolgiente, che nasce ufficialmente oggi, sono lusinghieri: 150 operatori, 150mila pasti erogati/anno, 18mila soggiorni/anno, 20 sale congressi per una capienza di 1500 utenti, un totale di 100 stanze disponibili. I visitatori/anno si aggirano intorno ai 50mila  e il  fatturato annuo supera i 9milioni di euro. Saremo presenti ad iniziative quali l'expò e la notte bianca a Cerea e, per l'estate, abbiamo preparato 's-cene di gusto' un tour di enogastronomia emozionale tra i ristoranti della zona".

Ulteriore conferma giunge dal Vicepresidente dell'Associazione, Montagnoli: " L'intento comune ha focalizzato l'obbiettivo di creare sul territorio un rapporto tra le aziende dei settori accoglienza e ristorazione, che garantisse l'omogeneità dell'offerta. Un esempio, la cucina a base dei prodotti tipici della Bassa che abbiamo la fortuna di avere in tutte le stagioni, cui accostiamo anche vini e formaggi delle varie zone del territorio veronese".

Gli scopi dell'associazione sono molteplici e richiedono una sinergia operativa a largo raggio. L'impegno si profila cospicuo ma lascia ben sperare in un traguardo fattivo a termine medio - breve.

In agenda:

1. qualificare un territorio  dal punto di vista dell'accoglienza e della ristorazione,

2. aumentare la visibilità dell'area,

3. innalzare le competenze del settore,

4. creare valore per le aziende e per il territorio,

5. promuovere dei prodotti tipici del territorio. 

(Si ringrazia l' Ufficio Stampa della Provincia di Verona)

(18 maggio 2008)