Home » Legnago e dintorni » Territorio
stampa
 
 

DONNE IN SCENA:   "CHE COSA C'È CHE NON VA?"

Al Teatro Salieri di Legnago

   Giovedì 17 marzo 2011, alle ore 21, al Teatro Salieri la Commissione Pari Opportunità di Legnago ha proposto lo spettacolo dal titolo "Che cosa c'è che non va?" messo in scena dal Gruppo Donne G.A.L.M., acronimo che significa Gruppo Animazione Lesionati midollari..

Si tratta di una rappresentazione che mostra storie tratte da esperienze quotidiane delle protagoniste, tutte donne e tutte sedute su una sedia a rotelle. Sono persone che hanno accettato la sfida e hanno deciso di vivere intensamente senza perdere nessuna occasione, neppure quella di diventare attrici. Con l'aiuto di un regista, Fausto Tognato, e con la collaborazione di Pia Sheridan e dei suoi ballerini, Maddalena Ambrosini, Maria Tirapelle, Gabriella Fermanti, Vanna Castelli, Cristina Corso e Giuliana Pecoraro hanno realizzato un'ora e mezza di azione teatrale proponendo al pubblico con ironia le loro problematiche quotidiane. L'intento è quello di portare all'attenzione della società le barriere che ostacolano il loro esistere: quelle architettoniche e quelle umane, edificate dall'indifferenza della gente. E hanno scelto di farlo senza pretese divistiche, ma prendendosi in giro con semplicità e simpatia.

Le sei donne protagoniste, che si definiscono "disabili, ma sempre donne", hanno già presentato il loro spettacolo in altri teatri della provincia suscitando interesse e riflessione. È un modo per generare empatia e attenzione verso realtà diverse, per destare gli indifferenti e investire nella crescita sociale.

Il loro coraggio e la loro capacità di mettersi in gioco rendono merito all'altra metà del cielo. Racconta una storiella ebraica che Dio, nel creare la donna, fece addormentare Adamo per togliergli una costola. Da quella costola Dio plasmò la donna e, mentre Adamo ancora dormiva, le riferì il segreto della vita. Potrebbe essere vero. Le protagoniste di questo spettacolo attribuiscono conferme e consensi a questo curioso aneddoto.

Renata Nalin

 

(09 aprile 2011)