Home » Legnago e dintorni » Territorio
stampa
 
 
 

Per comunicare, naturalmente!

Perché Crediveneto si interessa alle pagine di questo giornale?
Perché Crediveneto si interessa alle pagine di questo giornale?
 

Fino a poco tempo fa la maggior parte delle banche, pur avvertendo l'esigenza di posizionarsi sul mercato in maniera originale, parlava soprattutto di sé e molto meno, quando non raramente, del mondo del Cliente e dei vantaggi materiali e psicologici che a lui possono derivare.

E' stato a seguito di una accresciuta articolazione e sofisticazione dei loro bisogni che le persone hanno cominciato a considerare la Banca non solamente come erogatrice di servizi finanziari, ma come parte di una relazione personalizzata e proficua.

In sostanza, la gente chiede un dialogo alla pari, esercitando il personale diritto a capire, decidere, scegliere.  

Aprire a tutti le porte della Banca (agli artigiani, ai commercianti, a tutti gli operatori economici e alle loro famiglie, a tutti i lettori di questo giornale), favorendo in questo modo frequentazioni informali e più spontanee, significa dimostrare ulteriormente che la nostra offerta di servizi è accessibile proprio a tutti, che il linguaggio che utilizziamo è chiaro e comprensibile, che c'è sempre la possibilità di trovare la risposta giusta ad esigenze personali, le più diverse.

Anche quelle legate al mondo del lavoro, inteso nel modo più informale possibile.

Stiamo infatti cercando di rovesciare il modo di concepire l'organizzazione, mettendo al primo posto non la burocrazia, rigida e immobile, ma il dialogo con i Clienti, che richiede flessibilità nella struttura e nelle persone.

Per riuscirci ci siamo impegnati ad ascoltare tutte le persone che quotidianamente incontriamo ai nostri sportelli; per questo ci interessa tanto parlare  (e collaborare) con voi, lettori de Il Basso Adige, perché da qualunque parte può arrivare un segnale, magari debole, che, se capito in tempo, può trasformarsi in un'occasione per offrire un servizio "memorabile".

E così ogni contatto, anche il più piccolo, acquista un valore speciale, va "festeggiato", enfatizzato, amplificato in modo che tutti ne siano a conoscenza, e le possibilità di miglioramento non finiscano mai.

                                                             Alessandro Belluzzo
                                                           Presidente Crediveneto
(14 febbraio 2013)