Home » Rubriche » La Verbena dell'Adige
stampa
 
 
Di Silvia Zanardi
...E ora un castello di misteri e profumi
...E ora un castello di misteri e profumi

Hanno riempito decine e decine di sacchetti di rifiuti. Con l'unica arma dell'ecologia e dell'amore per l'ambiente hanno dato una bella ripulita all'argine, dal bacino di Legnago alla diga di Torretta. E non si fermano. Dopo la Festa degli Aquiloni, ricorrenza di aprile, soci e simpatizzanti dell'associazione "La Verbena dell'Adige" sono pronti per la terza edizione della Festa del Fiume, in programma per il 17 maggio. L'apertura si svolgerà attorno alle 9.30 all'orto botanico "Oasi La Verbena dell'Adige", che si estende nel tratto di argine che collega l'ospedale a Vigo di Legnago. Non si poteva scegliere altro luogo per l'inizio della festa. Il fondatore dell'associazione Maurizio Antoniazzi ha infatti pensato a tre sorprendenti novità per lasciare a bocca aperta chi, come lui, è affascinato dalle bellezze naturali che ci circondano. Ma attenzione: i privilegiati saranno i bambini. L'ortobotanico è ora cornice di un percorso didattico pensato specialmente per loro, in tre tappe: la stazione degli uccellini, il misterioso mondo degli insetti, il tunnel dei profumi. Descritti così, sembrano tre angoli di un castello incantato e, forse, un po' lo sono. Pensiamo al volo degli uccelli, che nessuno può controllare. Lo possiamo seguire con lo sguardo, cercare di capire dove finisce: chissà. Ma di una cosa siamo certi: i nostri piccoli amici con le ali hanno sempre bisogno di riempirsi la pancia, per volare, e Maurizio Antoniazzi, all'orto botanico, ha preparato per loro una mangiatoia sempre piena di semi. E gli insetti? Se a qualcuno fanno paura, dovrà ricredersi. Piccoli, spesso invisibili, quanto affascinanti. Alla Festa del Fiume, tutti potranno vedere con quale meticolosità e precisione le loro zampette riescono a creare un mondo perfetto nelle sottili fessure dei tronchi di legno. E poi, come durante ogni passeggiata nel cortile di un castello, arriva il momento romantico. Ma qui, all'ortobotanico, è meglio chiudere gli occhi e aprire le narici: si passa attraverso il tunnel dei profumi. Rosmarino, gelsomino, glicine, caprifoglio e lavanda. Tutto qui? No, i profumi sono molti di più. Non sappiamo dare un nome a tutti ma, durante la festa, Maurizio Antoniazzi coglierà l'occasione per farceli conoscere.
Le novità non finiscono qui. La Festa del Fiume sarà anche il giorno in cui verrà presentato "Dietro l'angolo", il nuovo libretto de "La Verbena dell'Adige", redatto e pensato con alcune classi della scuole elementari di Terranegra. Protagonisti, ancora, i bambini ma anche le loro insegnanti, che li hanno guidati in un'avventura unica nel mondo di piante ad animali. Quelli che non chiamano per essere trovati, ma basta cercarli "dietro l'angolo" per scoprire quanto ci possono donare.
Alla Festa del Fiume si va in bicicletta: dopo l'inaugurazione all'Oasi, tutti sono invitati, al prezzo di 7 euro, al pranzo degli alpini presso la sede del Circolo. E poi, cappello in testa e bottiglietta d'acqua, pronti a pedalare da Legnago a Villa Bartolomea con rientro via argine.

(06 maggio 2009)