Home » Attualità
stampa
 
 
Al via l’89° Festival 2011 all’Arena di Verona
Al via l’89° Festival 2011 all’Arena di Verona

Il prossimo 17 giugno si riaccende la magica atmosfera del Festival lirico all'Arena di Verona, giunto alla sua 89° edizione: 6 titoli in scena fino al 3 settembre in un susseguirsi di 49 serate.

L'89° Festival 2011 inaugura e conclude con due nuove produzioni, "La Traviata" di Giuseppe Verdi per la regia di Hugo de Ana e la direzione di Carlo Rizzi,

e "Roméo et Juliette" di Charles Gounod, regista Francesco Micheli e direttore Fabio Mastrangelo.

(nella foto il Maestro Carlo Rizzi) 

Nel cuore del Festival gli allestimenti storici delle opere verdiane per la regia di Gianfranco de Bosio: "Aida" sarà diretta da Daniel Oren e "Nabucco" vedrà sul podio Julian Kovatchev.

In programma anche le riprese de "Il Barbiere di Siviglia" di Gioachino Rossini per la regia di Hugo de Ana e con il debutto areniano del giovane direttore veronese Andrea Battistoni, e de "La Bohème" di Giacomo Puccini, regista Arnaud Bernard e direttore John Neschling.

Accettando l'invito del Sindaco Flavio Tosi a celebrare a Verona la ricorrenza del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha manifestato la volontà di partecipare all'inaugurazione del 17 giugno. I complessi artistici dell'Arena con tutto il pubblico lo accoglieranno sulle note dell'Inno di Mameli, per una serata indimenticabile.

In scena, come da tradizione, saranno protagoniste le voci più note del panorama lirico internazionale insieme agli attesi debutti di artisti emergenti.

Dal 17 giugno per 9 recite si alterneranno nel ruolo di Violetta Ermonela Jaho, Lana Kos e Inva Mula ne "La Traviata", accanto a Francesco Demuro

 e Francesco Meli nella parte di Alfredo. Giorgio Germont sarà Vladimir Stoyanov, Gabriele Viviani e il debuttante in Arena George Gagnidze.

(nella foto Francesco Demuro by Andrzej Swietlik)

Repliche: 24 giugno - 2, 12, 16, 21, 28 luglio - 4, 11 agosto

Segue con 15 serate "Aida", nello storico allestimento del 1913 di Ettore Fagiuoli, che dal 18 giugno vedrà in scena nel ruolo del titolo Micaela Carosi, Amarilli Nizza, Hui He e Lucrezia Garcia; saranno Radamès Fabio Armiliato, Salvatore Licitra, Carlo Ventre, Walter Fraccaro e Marcello Giordani.

Repliche: 26, 30 giugno - 10, 13, 17, 19, 24, 26, 30 luglio - 7, 14, 28, 31 agosto - 3 settembre

Dal 25 giugno per "Il Barbiere di Siviglia" tanti artisti debuttanti, a partire dalla voce tenorile di Antonino Siragusa, "specialista" del repertorio rossiniano nei panni del Conte d'Almaviva, che si darà il cambio con Lawrence Brownlee nel sedurre Aleksandra Kurzak e Rocio Ignacio nel ruolo di Rosina, con l'intraprendente aiuto dei Figaro Aris Argiris e Dalibor Jenis.

Repliche: 1, 8, 14, 22, 29 luglio

Il patriottico "Nabucco" verdiano, proposto nella riedizione storica per i festeggiamenti dei 150 anni dell'Unità d'Italia, vedrà protagonisti dal 9 luglio nomi molto noti al pubblico areniano. Ambrogio Maestri, Marco Vratogna, Leonardo López Linares, George Gagnidze si alterneranno nel ruolo di Nabucco, accanto alle celebri voci di Dimitra Theodossiou, Maria Billeri e Lucrezia Garcia in Abigaille.

Repliche: 15, 20, 23, 27 luglio - 5, 12, 21, 25 agosto - 1 settembre

Dal 6 agosto le straordinarie voci di Fiorenza Cedolins - che per alcune recite si darà il cambio con la debuttante in Arena Maria Agresta - e Marcelo Álvarez faranno rivivere in Arena l'amore appassionato di Mimì e Rodolfo de "La Bohème" pucciniana.

Repliche: 13, 19, 26, 30 agosto - 2 settembre

Il Festival lirico 2011 concluderà con l'opera dedicata alla storia d'amore veronese per eccellenza: "Roméo et Juliette", sesto titolo d'eccezione in scena dal 20 agosto con i giovani emergenti Nino Machaidze e Stefano Secco nei ruoli dei protagonisti.

Repliche: 24, 27 agosto

Le opere in programma, molto amate dal pubblico areniano, vedranno impegnati come sempre tutti i settori artistici - Orchestra, Coro, Corpo di ballo- e tecnici della Fondazione Arena di Verona insieme a centinaia di comparse.

 



(06 giugno 2011)