Home » Arte/Cultura
stampa
 
 

Ospitano il tutto - diretto da Francesco Chiàntera - le sale dell'Istituto Industriale Galileo Ferraris.

Verona: inaugurato, presso il "Museo della Radio", l' "OPERA Lyric Museum Verona".
Verona: inaugurato, presso il

Se Verona dispone, fra le tante sue istituzioni culturali, anche di un Museo della Radio, ricco di apparecchi antichi e recenti, italiani ed esteri, nonché di importante documentazione in materia, ciò - che è storia parlante - è dovuto ad Alberto Chiàntera, appassionato e cultore del settore, coadiuvato, da sempre, dalla moglie, signora Marilina. Il Museo della Radio - ormai divenuto centro d'incontro degli studiosi del settore e, al tempo, custode attento di materiali preziosi - ha potuto orgogliosamente ampliare il suo settore espositivo a costumi, bardature, calzature, oggetti ornamentali, spade, arredi ecc., presentandoli ai visitatori della Verona della musica, nel nuovo "OPERA Lyric Museum Verona". Tale importante e storico materiale, risalente ai primi anni del 1900, è stato donato al Museo dalla veronese famiglia Ravazzin, per tradizione e passione, da sempre, dedicatasi al teatro, alla musica, alla lirica, nonché al sano intrattenimento, seminando alta cultura. Fanno parte della munifica donazione anche dischi di rarissima fattura, contenenti musiche ed esibizioni, peraltro autografate, di personaggi di spicco, come Nino Ederle, Giovanni Zenatello, Enrico Caruso, Beniamino Gigli, Tito Schipa, Lina Cavalieri e Magda Oliviero; vari esemplari di fonografi e grammofoni del periodo fine 1800 sino al 1910. Non mancano spartiti originali di Bohème, Tosca, Turandot, Cavalleria Rusticana, Aida...; seguono, ancora, un raccoglitore di dischi a 78 giri di un'Aida d'inizio '900 - esemplare unico - accompagnato da libretti musicali operistici ed altro materiale, che meriterebbe d'essere mostrato, per la sua qualità e rarità, se non fosse che, per un'esposizione dignitosa, manca, purtroppo, lo spazio...  Fatto che addolora, e non poco, il presidente dei due importantissimi musei in parola, Alberto Chiàntera, al quale Verona deve molto, per l'elevatissimo contributo, che la sua grandiosa attività museale - in due settori d'alto interesse storico, quello, appunto, dell'evoluzione dei mezzi di comunicazione e, oggi, anche della lirica - ha dato e sta dando al nome della città scaligera e al forte richiamo a livello turistico verso di essa. In tal senso e, alla luce, dell'eccezionale sviluppo che sta assumendo l'opera realizzata dal presidente Chiàntera, peraltro riconosciuta anche all'estero, si rende assolutamente necessario pensare all'assegnazione al 'Museo della Radio' e all' 'OPERA Lyric Museum Verona' di una dignitosa ed importante allocazione  - tanto più che le due iniziative nulla sono costate e costano alla mano pubblica! - tenuto anche conto che Verona dispone di numerosi ambienti adatti alla cosa, uno dei quali potrebbe diventare, appunto, ulteriore ed accogliente centro di visita e d'importante attrazione turistica. Ha inaugurato il nuovo Museo della Lirica - per l'occasione si è ottimamente esibito il soprano albanese Alissa Katrosci, nell'aria "Vissi d'arte" dalla Tosca - l'avv. Rosario  Russo, presidente del Settore Cultura del Comune di Verona, che s'è detto molto interessato all'iniziativa, ritenendola validissima per Verona, sotto l'aspetto culturale e turistico. L'incontro, guidato da Maurizio D'Alessandro, documentato da apposita, elegante cartella, fornita dal fustellificio Mario Cozza, Verona, e apprezzatissimo dal folto pubblico presente, era stato aperto dalla proiezione d'una meravigliosa pellicola, riproducente mare e spiagge veneziani, e realizzata attraverso il drone 'Ettore' in volo, creato dai ragazzi dell'Istituto Galileo Ferraris, sotto la guida dell'ing. Atos Arzenton, loro attivo docente. La proiezione in tema era gradevolmente accompagnata dalla colonna sonora, dal titolo "Casta Diva", caratterizzata, ovviamente, dalla squisita voce di Maria Callas...!

Alberto Chiàntera merita, dunque, alto riconoscimento e i due Musei, gioielli culturali - www.museodellaradio.com e info@museodellaradio.com - conveniente allocazione nel centro-città, anche per premiare un'iniziativa, che non ha uguali.

Pierantonio Braggio

(19 febbraio 2015)