Home » Cinema » Sinossi
stampa
 
 
A cura di Roberto Tirapelle
Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo, USA 2008, regia di Steven Spielberg.
Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo, USA 2008, regia di Steven Spielberg.

Quella notte del 1981 in cui venne proiettato per la prima volta in Italia al Festival di Venezia "I predatori dell'arca perduta", divenne una notte storica per appassionati, critici, giovani. Del resto era ovvio che per il genio creativo di Spielberg e Lucas una nuova avventura avrebbe destato subito un grandissimo interesse. Oggi il 4° capitolo non ha certamente la freschezza degli altri, perchè siamo abituati ad un altro cinema. Va invece fatta qualche considerazione importante su questo ultimo appuntamento. L'ambientazione è calata nella Russia del 1957 ai tempi della guerra fredda. Si parte dall'archeologia e si arriva alla fantascienza, quasi a riconfermare l'intramontabile amore di Spielberg per ET: corpi, creature reali,surreali, melodramma, avventura, zuccherini,oggetti, humour, ecc. Fantasmagorie che hanno creato i più grandi successi del cinema. Citazioni: i classici di fantascienza anni 50, "La cosa da un altro mondo", ad esempio. Vi ricordate l'Area 51, quella del  Nevada in cui gli States avevano contatti con gli extra-terrestri?. Bene, potrebbe essere la prima sequenza del film, l'ingresso nella base. A chi può interessare c'è Cate Blachett, ancora incredibilmente trasformata nell'agente Irina Spalko, un'attrice da non sottovalutare assolutamente. C'è la new entry Shia LaBeouf, che si presenta vestito di cuoio, citando Marlon con un bel coraggio, ritorna Karen Allen nel ruolo di Marion, ma gli anni passano. Per la fotografia è subentrato Kaminski, seguendo le orme di Slocombe. In buona forma invece è Harrison Ford che inizia  i suoi 65 anni con frusta , cappello, bisaccia. Non si lascino mai intimidire coloro che cominciano  la terza età.       

 

 

(20 giugno 2008)