NUOVA SEDE CONSORZIO VINI VALPOLICELLA, a Sant’Ambrogio

(nella foto, a d. in piedi il sindaco di Verona Sboarina, al centro il Ministro Centinaio)

SBOARINA: “INCONTRERO’ PRESTO IL MINISTRO A ROMA. METTIAMO INSIEME LE FORZE E PRESENTIAMO UN’IMMAGINE UNICA DEL TERRITORIO VERONESE”

Era presente anche il sindaco Federico Sboarina, questa mattina, all’inaugurazione della nuova sede del Consorzio di tutela dei vini Valpolicella, all’interno di villa Brenzoni Bassani, a Sant’Ambrogio.

Per il taglio del nastro è arrivato da Roma anche il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio. A fare gli onori di casa il sindaco di Sant’Ambrogio di Valpolicella Roberto Zorzi, il presidente del Consorzio Andrea Sartori e la direttrice Olga Bussinello.

“L’inaugurazione di oggi mi ha dato la bella opportunità di conoscere il ministro all’Agricoltura, con il quale ci siano confrontati velocemente su vari temi. E siccome Verona è una delle aree agricole più importanti d’Italia faremo presto un incontro a Roma. Fra i punti caratterizzanti del ministro Centinaio c’è,infatti, la volontà di promuovere in vario modo i territori con peculiarità agroindustriali come il nostro. Da sempre sono convinto che è importante mettere insieme le forze e presentare Verona con un’immagine unitaria, proprio come stiamo facendo oggi – ha detto Sboarina -. La nostra è una zona di grandi tradizioni agricole che ha molti primati, di cui il vino è indubbiamente il più prestigioso. Verona è conosciuta in tutto il mondo per l’Arena e il mito di Giulietta e Romeo, ma il territorio scaligero vanta altrettante bellezze. Ecco perché cultura, turismo e promozione dei prodotti e dell’economia devono trovare sinergia tra pubblico e privato, tra istituzioni e realtà associative o consortili come questa. Solo così possiamo fare davvero la differenza”.

 

Contribuisci a sostenere Il Basso Adige: disabilita il tuo Ad Blocker. Grazie.

Avviso per gli utenti di AdBlock

Il Basso Adige è una testata giornalistica che si mantiene grazie alla pubblicità.

Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo di disabilitare il tuo Ad Blocker o di inserire www.ilbassoadige.it nella whitelist del tuo plugin anti-pubblicità. Ti promettiamo che non saremo invadenti.

Grazie