PER IL GIRO D’ITALIA FUNIVIA IN ROSA E AREA ESPERIENZIALE CON LA CAMPIONESSA PAOLA PEZZO

Una grande area esperienziale per far innamorare tifosi e appassionati delle due ruote degli straordinari tracciati del Monte Baldo. Funivia Malcesine – Monte Baldoè protagonista, a Verona, del Villagio allestito, domenica, alla partenza dell’ultima e decisiva tappa del Giro d’Italia. Video emozionali, una storica cabina della funivia e una presenza d’eccezione: la campionessa olimpica di Mtb Paola Pezzo che, prima della partenza della crono, sarà presente con altri campioni del ciclismo nell’area della Funivia.

Ma non solo, perché Funivia Malcesine – Monte Baldo celebra il 102° Giro d’Italia e la sua straordinaria conclusione a Verona, vestendo di una speciale livrea rosa una delle cabine che portano gli sportivi fino ai quasi 1800 metri della stazione d’arrivo del Monte Baldo. “La nostra cabina colorata di rosa – spiega Pier Giorgio Schena, presidente di Funivia Malcesine – Monte Baldo –  vuole essere un omaggio alla passione che il Giro d’Italia continua a far vivere a tutto il Paese. Il Giro è una manifestazione sportiva, ma è anche una festa che riesce ad arrivare fino alle vette più alte”.

L’area esperienziale allestita da Funivia Malcesine – Monte Baldo, nei pressi del Pala Expo di Veronafiere, rimarrà aperta durante l’intera giornata di domenica 2 giugno e sarà a disposizione di turisti, cicloamatori e sportivi per dare informazioni sulle opportunità della nuova stagione. “La Funivia di Malcesine, che fin dal 1962 promuove lo sport, – dice il presidente Schena – la bellezza e la montagna non poteva mancare a un appuntamento di questa rilevanza. Per questo abbiamo deciso di essere presenti, in sinergia con il Comune di Verona e Veronafiere, anche alla partenza della cronometro per raccontare che, in un ideale connubio con la tappa del Giro, il nostro territorio e il Baldo offrono straordinarie possibilità di fare sport, andare in bici e fare attività all’aria aperta”.

Grazie alla funivia Malcesine – Monte Baldo, i ciclisti possono raggiungere la stazione di arrivo a 1800 metri d’altezza, un vero paradiso per le mountain bike. Dai bikers più esperti, alla ricerca di sempre nuove emozioni, ai genitori con i loro bambini, chi sale al Monte Baldo con la volontà di scendere in mountain bike, viene ripagato da un’esperienza unica, non solo per il panorama straordinario, ma anche per l’emozione di sentirsi liberi nella natura in sella a una bicicletta.

Advertisment ad adsense adlogger