A Verona: nuova task force “Quartieri Sicuri”

I NUMERI DELLE PRIME DUE SETTIMANE DI ATTIVITA’ 

In arrivo Pico, il cane antidroga.

Una task force di 10 agenti scelti, dedicata esclusivamente al controllo del territorio, 24 ore su 24, per contrastare lo spaccio di droga, l’abusivismo e il degrado.

ÈQuartieri sicuri” l’ultima novità della Polizia locale a favore della sicurezza cittadina, con un gruppo di agenti in azione sul centro storico come nei quartieri, in virtù anche delle segnalazioni che arrivano dai cittadini e che permettono interventi immediati da parte delle forze dell’ordine.

Significativi i risultati delle prime due settimane di attività, che si è concentrata nelle zone più sensibili della città tra cui Veronetta, Borgo Venezia, Santa Lucia, Golosine, Zai.
I numeri: 3 arresti (di cui due per spaccio di droga a carico di un nigeriano sorpreso  in via Luzzati e di cittadino gambiano ai bastioni); sequestrati quasi 60 grammi di sostanze stupefacenti tra cocaina, marjiuana, hashish; 549 pezzi di materiale rinvenuto (ombrelli, poncho, lucine ecc); 83 sequestri amministrativi di oggetti venduti abusivamente in occasione dei concerti (aste per selfie, fascette concerto); 123 persone identificate; 54 daspo urbani; 44 verbali di violazione al regolamento di polizia urbana; 6 soggetti foto segnalati; 12 persone di cui 3 minori segnalate alla Prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti; 1 verbale per ubriachezza molesta; 1 decreto di allontanamento notificato; 1 controllo ad un edificio abbandonato in via Silvestrini; 2 esercizi pubblici controllati, in via XX Settembre e in via Golosine.  

L’attività della nuova task force è stata illustrata dal sindaco Federico Sboarina insieme all’assessore alla Sicurezza Daniele Polato e al comandante della Polizia locale Luigi Altamura.

“È la prima volta che viene attivata una squadra speciale di agenti dedicata ad un servizio specifico – spiega il sindaco -, ma i risultati ci dicono che siamo sulla strada giusta. Gli agenti lavorano sia in divisa che in borghese, di giorno e di notte, con massima attenzione anche ai quartieri e alle zone più sensibili. Fondamentali restano le segnalazioni dei cittadini, che permettono di intervenire immediatamente e soprattutto di risolvere sul nascere situazioni critiche”.

“Un’attività che non sostituisce quella che gli agenti della polizia locale svolgono quotidianamente, ma che si aggiunge – afferma Polato -. L’obiettivo è eliminare la microcriminalità da tutto il territorio comunale e ciò si ottiene solo con un controllo costante e continuo. Abbiamo portato a zero l’attività di bagarinaggio durante la stagione lirica, così come abbiamo restituito ai residenti alcune aree o spazi verdi mal frequentati. Massima attenzione è rivolta ai giovani e al contrasto dello spaccio di droga fuori dalle scuole”.  

A tale proposito il comandante Altamura ricorda che “è in arrivo Pico, il cane antidroga formato in un centro si addestramento specializzato a Milano e che andrà a supportare l’attività degli agenti. Da quando è stato emesso il decreto ministeriale, nel febbraio dell’anno scorso, con 600 Daspo urbani siamo la seconda città d’Italia per questo tipo di provvedimenti. Stiamo lavorando anche su altri filoni, tra cui la somministrazione di alcol ai minori. Sono quasi una decina i locali del centro già attenzionati”.  

In chiusura il comandante ha ricordato che nei primi mesi dell’anno saranno in servizio i 49 nuovi agenti che supereranno il concorso. Si sono concluse le prove di idoneità fisica, l’8 ottobre si terrà la prova scritta per i 520 candidati ammessi.  

Advertisment ad adsense adlogger