GIORNALmente – 6 aprile: Raffaello Sanzio

Raffaello SanzioCr. ph. Destinazione Marche

GIORNALmente, la pillola giornaliera che nutre la mente: il 6 aprile 1483 nasce a Urbino il pittore e architetto Raffaello Sanzio

Di: Annalaura Casciano

LEGGI ANCHE: GIORNALmente – 5 aprile: Kurt Cobain

Il 6 aprile 1483 nasce a Urbino il pittore e architetto Raffaello Sanzio. A distanza di trentasette anni, il 6 aprile 1520, si spegne a Roma. Nonostante non viva a lungo, è uno degli artisti più rinomati della pittura italiana e internazionale. Si forma a Urbino sotto la potente influenza artistica rinascimentale, che il pittore porta con sé fino alla morte. Allievo di Perugino e Pinturicchio, si distacca in seguito dai loro insegnamenti.

Nel 1504, Raffaello va a Firenze, ove studia le opere di Leonardo Da Vinci e Michelangelo Buonarroti. Numerose sono le opere create nel capoluogo toscano, sempre più influenzate dall’apprendimento scaturito dai suoi studi. L’ultima eseguita a Firenze, la Madonna del baldacchino, rimane incompiuta, poiché Raffaello si sposta a Roma. Qui deve affrescare alcune pareti della Stanza della Segnatura, in seguito eseguendo altre decorazioni delle Stanze Vaticane. Diventa ben presto responsabile dei lavori per la costruzione di San Pietro.

Fondamentale nelle sue opere è l’architettura. Tuttavia, il pittore non si occupa solo di questo genere di lavori, bensì compie anche ritratti. Dalla magnificenza delle sue opere, come La Trasfigurazione, prendono ispirazione molti artisti del Seicento, tra i quali Caravaggio. Il 6 aprile 1520, trovandosi ancora a Roma, durante il periodo di suo massimo successo, muore. Viene sepolto al Pantheon, a lui molto caro.

Comments are closed.

Advertisment ad adsense adlogger