Il pensiero di Xi Jinping verrà insegnato nelle scuole

Dal prossimo autunno centinaia di milioni di studenti cinesi dalle elementari all’università dovranno studiare, come materia curricolare, il “pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era”

Di: Lorenzo Bossola

LEGGI ANCHE: Il partito comunista cinese compie 100 anni: la storia in 4 date fondamentali

“I sogni sono belli e contengono la speranza per il futuro” (梦想是美好的, 蕴含着对未来的希冀; mèngxiǎng shì měihǎo de, yùnhánzhe duì wèilái de xījì).

I libri di testo

I libri, ideati dal Ministero dell’educazione, dalle prestigiose Tsinghua University e Peking Universiy e da altri centri di ricerca, verranno impiegati in tutte le scuole della nazione. A seconda del grado scolastico, mostreranno i traguardi della grande civilizzazione cinese e del partito comunista come la strabiliante crescita economica e modernizzazione, la conquista dello spazio e la lotta al Covid-19, vedi foto 1.

I libri sono costruiti sulla base dei discorsi, citazioni e aneddoti del presidente Xi Jinping e, nelle 90 pagine circa, sono presenti sue innumerevoli foto spesso sorridenti. I costanti appelli al dovere e al patriottismo conferiscono un retrogusto amaro.  Un esempio, nei libri è presente un aneddoto che racconta come una predica su un generale di una canzone della dinastia Song che la madre diede al piccolo Xi Jinping infervorò il suo amore per la Cina.

foto 1. Traduzione del poster: “Forza Wuhan (武汉)! Forza Cina (中国)! Un omaggio ai guerrieri che hanno costruito il monumento della resistenza!”

Obiettivi e metodi

L’obbiettivo ultimo è rafforzare il primato del partito comunista, con Xi Jinping al suo centro, come guida della Cina, vedi foto 2, verso il “Sogno cinese”, intrepretato come “il grande ringiovanimento della nazione cinese”, ossia il raggiungimento di una Cina ricca e prospera. Il metodo è “piantare il seme nei giovani cuori [studenti delle scuole primarie] dell’amore per il Partito, il Paese e per il socialismo”, come riportato anche da Global Times, tabloid del Partito stesso. Inoltre, il tabloid descrive l’obiettivo “formativo” per gli altri gradi scolastici: “[…] Il focus delle scuole medie sarà una combinazione di esperienze e studio per aiutare gli studenti a formarsi basilari giudizi e opinioni politiche. All’università ci sarà un’enfasi maggiore sullo studio del pensiero teorico”.

I bambini e ragazzi dovranno apprendere che il Partito è il fulcro del paese e Xi Jinping è il perno su cui il partito si regge, che lo sviluppo armonioso tra uomo e natura è fondamentale per riportare la Cina dov’era prima del “secolo dell’umiliazione” (1839-1949) cioè al centro del mondo.

Foto 2. Traduzione del titolo: “Il partito comunista cinese è la guida per il ringiovanimento della nazione”.

Il pensiero di Xi Jinping

Nel 2018, durante il congresso che ha eliminato il limite di due mandati per il presidente e vice presidente della Repubblica Popolare Cinese, la nuova dottrina di Xi Jinping è stata incorporata all’interno della costituzione assieme a quella dei suoi predecessori, Mao Zedong e Deng Xiaoping su tutti. Da sempre, ed è scontato dirlo, il partito propaganda nelle scuole l’ideologia comunista ma, dalla morte di Mao avvenuta nel 1976, non aveva più promosso un forte culto della personalità, specialmente verso un target così giovane.

La mossa di Xi Jinping è un ritorno a un passato difficile in cui il culto di Mao ha contribuito decisamente al disastro che è stata la rivoluzione culturale. Il pensiero di Xi è formato da 14 punti fondamentali tra cui la leadership assoluta del partito, la leadership del partito sulle forze armate e l’eliminazione della povertà assoluta.

Negli ultimi mesi il partito sta attivamente portando avanti una serie di campagne per estirpare le “cattive influenze” dei giovani e giovanissimi. In particolare, l’uso o abuso di videogiochi on-line, recentemente è stato introdotto limite massimo di tre ore settimanali per i minori, e la cultura della celebrità, mutuata direttamente dagli Stati Uniti. Questo tentativo di indottrinare fin da piccoli i futuri adulti non può che destare preoccupazioni. In conclusione al libro vi è anche una sezione dedicata agli aspiranti (inconsci?) membri del Partito, vedi foto 3. Molti genitori hanno privatamente espresso pareri negativi ma la possibilità che il dissenso si trasformi in contestazione pubblica appare assai ridotta.

foto 3. Traduzione del testo all’interno della bandiera rossa: “Giuramento per aderire al partito. Desidero volontariamente di entrare nel partito comunista cinese, di difendere il programma del Partito, di rispettarne la costituzione, di adempiere agli obblighi dei membri del Partito, di eseguire le decisioni del Partito, di osservare rigorosamente la disciplina del Partito, per salvaguardare i segreti del Partito, di essere fedele al Partito, di lavorare duramente e combattere per il comunismo per tutta la vita, di essere pronto a sacrificare tutto per il Partito e per il Popolo in qualsiasi momento e di non tradire mai il Partito”.
Advertisment ad adsense adlogger