“Cash or Trash”: dal 4 ottobre, l’esordio di Stefano D’Onghia su Nove

Dal 4 ottobre, Stefano D’Onghia debutta in “Cash or Trash – Chi offre di più” su Nove, canale tv a vocazione generalista di Discovery+

LEGGI ANCHE: “Verona si muove”, il convegno di AMT Verona

Dopo il successo internazionale in Germania, “CASH OR TRASH – Chi offre di più?” debutterà in Italia su Nove, il
canale tv a vocazione generalista di Discovery+, a partire da lunedì 4 ottobre, tutti i giorni alle 19:15.

Alle redini del nuovo gioco sarà Paolo Conticini, conduttore, attore di cinema, teatro e tv. Il format sarà animato da
cinque veri mercanti ed esperti d’arte in divertenti e combattive “aste al rialzo” per accaparrarsi oggetti incredibili e
curiosi, proposti da persone comuni in cerca di affari. Il meccanismo è semplice: il proprietario fa stimare il suo
oggetto dall’esperto tecnico di Cash or Trash e solo successivamente i cinque mercanti presenti in ogni puntata, ignari
della valutazione, attueranno strategie, piccoli bluff e colpi di scena imprevedibili per accaparrarsi l’articolo che
secondo loro sarà un vero affare.

Tra i cinque mercanti presenti in ogni puntata vi sarà il ceretano Stefano D’Onghia – per gli amici “Dongi”, cacciatore
di tesori, titolare di un noto second hand shop a Cerea e perito estimatore presso il tribunale di Verona. Il suo
carattere esuberante, appassionato e imprevedibile, creerà una continua atmosfera di suspance nel trattare all’infinito
quando interessato ad un oggetto. La partecipazione di Stefano D’Onghia al nuovo game show è sostenuta da un
combo tutto ceretano composto da Elisa Guariso (responsabile del negozio), Lorenz Zadro e Tommaso Bronzato
(ufficio stampa A-Z Press) e Simone Filippi e Luca Ponso (agenzia 045Web).

Chi è Stefano D’Onghia?

Fin da ragazzo ama istintivamente il collezionismo nei settori delle arti decorative, antiquariato, orologi e design, da
qui ha avuto la fortuna e la costanza di trasformare la sua passione in lavoro. Dopo gli studi, ha aperto una galleria
d’arte, in cui ha collaborato con artisti ed editorie di arti grafiche. Ha lavorato come docente di Workshop di Design e
di Storia dell’Arte in istituti superiori e per corsi legati alle Tecniche di Valutazione. Oggi gestisce un second hand shop
a Cerea (VR), con esposizione e compravendita di opere d’arte, antiquariato e curiosità, che gli hanno permesso di
approfondire le conoscenze pregresse e venire in contatto con tutto ciò che può essere oggetto di stima.
Parallelamente, con l’iscrizione all’Albo dei C.T.U. esegue regolarmente stime e perizie per inventari, eredità accanto
a notai, avvocati, architetti, per il Tribunale di Verona e per la Procura della Repubblica.

Fonte: Lorenz Zadro, A-Z Press

Advertisment ad adsense adlogger